Archivi del mese: gennaio 2012

… di dimensione artistica, diceva in una canzone Elio. In questo caso sono forse anche 40. Di neve, che grazie al gelo in arrivo, diventerà ghiaccio. E intanto io spalo. Yuppie!

Sul sito della Bonelli sono uscite le anteprime per il 2012. Non so come mai, ma trovo che ultimamente la qualità delle scansioni “ufficiali” delle tavole lascia un po’ a desiderare. Ecco la tavola tratta dal numero di Nathan Never in uscita a marzo, ad una risoluzione migliore. Click per ingrandirla, ovviamente.

Nel giorno in cui viene oscurato Megaupload, scopro questa pubblicazione pirata  di Martin Mystère in lingua portoghese con una copertina ricavata da un vecchio disegno che avevo postato sul mio sito. Non so se si tratti di una pubblicazione cartacea o solo digitale. Di certo, si può scaricare, quindi se esistesse la versione stampata ci troveremmo davanti ad una copia digitale piratata di un fumetto pirata…

Il panorama da brivido intorno a casa mia. Brrr!

Prima sorpresa: trovare Nathan Never in edicola con un giorno di anticipo sulla data di uscita. Seconda sorpresa: l’incredibile colpo di scena che getta le basi per il prossimo ciclo di storie di Nathan Never. Sì, ok, del colpo di scena ero ovviamente al corrente, ma leggere l’albo, sfogliare le pagine e gustarselo come lettore e non come addetto ai lavori è stato un vero piacere! Segnalo anche, a mio avviso, uno dei più bei dialoghi tra Legs e Nathan di sempre. Un albo da non perdere. Accattatevillo!!!

Piccola anteprima spoiler-free; una vignetta della storia di Nathan Never in uscita il prossimo marzo. (Sempre che riesca a finire le ultime 20 pagine!)

Dalle profondità nascoste dei miei cassetti è saltato fuori questo adattamento a fumetti della serie tv  Spazio 1999, scritto e disegnato quando avevo circa 14 anni. Copertina realizzata a china e tempera, interni a pennarello, rilegatura con filo di lana, storia completa di 18 pagine! Beata gioventù! Click sull’immagine per ingrandirla.

Da ragazzo giocavo a calcio, come portiere. Il mio riferimento per il ruolo era il mitico Dino Zoff, contrapposto all’odiato (da me) Albertosi. Ecco perchè, quando dovetti inventare una striscia umoristica per il settimanale “Piemonte Sportivo” (era il 1989) nacque Paperosi, un portiere baffuto tutto papere.

Sono sopravvissuto alle feste (passate a casa a lavorare, giorno di Natale escluso), è tempo di dare qualche altra piccola anticipazione sul prossimo 250 di Nathan Never.

Contatti

info@giardo.com